Bambini e neonati: come spendere meno

Purtroppo è risaputo che avere dei bambini oggi non è semplice a livello economico, soprattutto se è il primogenito e quindi è tutto da comprare.

Come fare per risparmiare senza far mancare nulla ai nostri bambini? E dove rivendere alcuni prodotti una volta che non ci servono più?

Idee per risparmiare per bambini e neonati

Io vi consiglio varie opzioni, tutte valide:

  1. Lo scambio e il baratto, soprattutto se siete agricoltori (o comunque producete beni da offrire) o se avete in casa molti oggetti in casa che non utilizzate, in cambio del necessario per il nascituro.
  2. Il così detto riciclo organizzato, cioè trovare persone vicino a voi, che vogliono liberarsi in modo gratuito di carrozzine, oggetti o vestitini per bambini e neonati.
  3. Usare negozi online come Amazon per le cose nuove (dopo aver letto la nostra guida per spendere meno su Amazon) o eBay per l’usato ma anche per il nuovo (e anche la nostra guida sui trucchi per comprare su eBay e’ essenziale per spendere il meno possibile). Infine, se comprate online approfitatte del cashback.
  4. Le catene di negozi del usato presenti in tutte le città d’Italia in cui sicuramente potrete trovare tutto l’occorrente a prezzi modici. Non pensate che siano i classici posti dove vengono venduti oggetti che ormai non vuole più nessuno, molto spesso potrete acquistare oggetti che sembrano nuovi. E  non meno importante, potrete andarci per vendere tutto quello che non vi serve più. Ma andiamo con ordine:
      1. Baby Bazar – Franchising nazionale, all’interno del sito, nella sezione negozi, è possibile vedere dove sono le loro sedi, con indirizzo e  numero di telefono. Hanno vestiti e oggetti per neonati e bambini da 0 a 12 anni. I prezzi sono davvero buoni anche per i giochi.Se invece sei interessato alla vendita: puoi portare in negozio i tuoi oggetti, vestiti, giochi,ecc. (basta che rientrino nella fascia d’età indicata) e avrai una valutazione del tuo bene. Generalmente si parte dal 50% del prezzo commerciale dell’articolo da nuovo, l’aumento o il ribasso del prezzo rispetto a tale percentuale dipendono dallo stato di conservazione e dalla vendibilità dell’articolo.Dopo i primi 60 giorni, se l’articolo è rimasto in negozio senza essere venduto, l’articolo verrà messo in vendita a prezzo di  saldo.Se il tuo articolo viene venduto, è possibile andare a ritirare i soldi in negozio dopo 15 giorno dalla vendita.Tutti gli articoli invenduti possono essere ritirati (magari mettendosi d’accordo fin da subito con il negozio) oppure vengono donati ad associazioni onlus.
      2. La Birba franchising – Presenti in quasi tutte le grandi città italiane. Tutto ciò che serve per i bambini dagli 0 ai 12 anni. E’ possibile sia comprare che rivendere i propri oggetti. E’ consigliato telefonare al negozio o andarci di persona per informarsi su come funziona la vendita dei propri oggetti, perché, come specificato nel loro sito, l’acquisto dei vestiti varia in base alla stagione. Per giochi e accessori vari invece non c’è nessun problema.Per quanto riguarda la valutazione: è il 50% circa (dipende dalle condizioni del prodotto) del valore del bene da nuovo. I prodotti che non vengono venduti  possono essere ritirati oppure incaricarli di donarli ad associazioni onlus.
      3. Adesso bimbi – Veramente buono, per non passare tramite negozi, ma vendere da soli i propri articoli. Trovate annunci per tutta Italia e soprattutto è molto comodo se volete vendere direttamente, senza intermediari.  Consiglio di leggere bene le regole prima d’inizare, per non rischiare d’essere buttati fuori dal sito. L’iscrizione è completamente gratuita.
      4. Seconda manina – un’altra catena di negozi ben funzionante. Unica pecca: pochi punti vendita presenti, ma potranno esserci nuove aperture. In alternativa ne potete aprire uno voi in franchising. Per quanto riguarda la vendita o l’acquisto funziona esattamente come tutti gli altri.
      5. Triciclo – Poco diffuso, molto presente soprattutto al nord. Un negozio che si prefigge di non rivendere beni quasi da buttare ma bensì praticamente nuovi. Che sembri appena comprato o quasi: anche gli altri si prefiggono questo obiettivo, ma forse loro ci riescono un po’ di più. Ma per il resto sono del tutto identici agli altri.
        È un po’ diverso come  funziona l’acquisto dei vostri prodotti, ma niente di particolare. Basterà leggere quanto scrivono sul sito oppure telefonare per avere tutti i chiarimenti del caso.
      6. Gruppo baby boom – aperto dal 2000 sta ancora cercando di espandersi in tutta Italia, ma senza successo. Anche questo è un ottimo negozio per i vostri bambini e troverete sicuramente il necessario.

In fine vorrei segnalarvi questo sito www.mammarisparmio.it che ho trovato un po’ per caso, ma che penso possa essere molto utile per chi aspetta o ha un bambino. Ci trovate sconti concorsi e molto altro per i bambini di tutte le età.

E ovviamente non perdetevi gli omaggi e campioni gratuiti, in particolare la sezione per bambini.

E una volta che avete finito di usare la culla, il passeggino, il seggiolone e tutti gli altri accessori potete regalarli o venderli. Se decidete di vendere su eBay, non dimenticate di leggere la nostra guida per massimizzare i vostri guadagni!

risparmiare per bambini

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Email this to someone
Se ti e' piaciuta questa guida, visita la nostra pagina di Facebook, metti il mi piace e condividi con i tuoi amici!

.

Commenti

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *