Mutuo: come risparmiare

Non e’ facile farsi dare un mutuo da una banca di questi tempi. Prima di tutto calcola quanti soldi potresti pagare. Poi usa questa cifra sui calcolatori di mutuo disponibili online (vedi la lista sotto). Te lo potresti permettere? A quanto ammonterebbe la rata mensile? E se i tassi di interesse salissero del 1%? Te lo potresti ancora permettere? Questi sono aspetti molto importanti da chiarire fin da subito, perche’ puo’ essere una scelta migliore aspettare ad accendere un mutuo piuttosto che indebitarsi e poi dover dare la casa alla banca per pagare debiti.

Quanti soldi mi prestera’ la banca?

Non sembrano esistere termini esatti, ma la regola generale e’ che la rata del mutuo dovrebbe corrispondere a non piu’ di un terzo degli stipendi delle persone richiedenti il mutuo. Se i redditi sono alti, in alcuni casi, sara’ possibile avere anche piu’ di un terzo. Per redditi piu’ bassi non conviene avere un mutuo che sia piu’ del 30% del proprio stipendio, visto che se non si e’ in grado di pagare le rate del mutuo la banca si prende la casa. Una volta decisa la rata massima che si e’ in grado di pagare, in base alla durata del mutuo (solitamente 10, 20 o 30 anni), si determinera’ il valore massimo che la banca e’ in grado di prestarci.

Ci sono due ottimi calcolatori per capire meglio le cifre. Conviene provare ad usarli entrambi.

  • Cosa puoi permetterti? di  Altroconsumo. Molto semplice e chiaro. Calcola la rata massima mensile e il mututo massimo che ne consegue, per diverse durate come per esempio 20 anni o 30 anni. Non prende in considerazione eventuali finanziamenti in corso.
  • Calcolo rata masima mensile di MigliorMutuo. Questo calcolatore e’molto semplice e usa molte informazioni che non sono chiarite esplicitamente. Ha pero’ il vantaggio di prendere in considerazione i finanziamenti attualmente in corso, che influiscono sulle decisioni delle banche.

I miei risparmi sono sufficienti?

I mutui al 100% (cioe’ quelli che finanziano al 100% il prezzo dell’immobile) sono sempre piu’ rari e difficili da ottenere – e hanno tassi di interesse piu’ alti. Solitamente le banche finanziano fino all’80% del valore della casa. Cioe’, se una casa costa 100 000€, la banca sara’ disponibile a finanziare 80 000€. Il che significa che per accedere al mutuo e’ necessario avere a disposizione 20 000€ di risparmi da spendere nel mutuo.

E non dimenticarti le tasse (e le agevolazioni)

I costi annessi all’acquisto di una casa sono tanti. Una guida indicativa, per una casa che costa 150.000€ e’ di circa 15.000€ di spese, tra costi legati alla compravendita e costi legati al mutuo. Alcuni costi sono fissi (come per esempio le tasse) ma altri sono variabili: per esempio non dovrete pagare i costi di agenzia (tra 4.000€ e 7.000€ in questo caso) se comprate da un privato.

E’ possibile risparmiare molto contattando un notaio economico (telefonate per preventivi), cercando di acquistare la casa da privati invece che tramite agenzia e con altri accorgimenti. Per rendersi bene conto di quali siano le spese, provate i calcolatori che vi proponiamo.

Gli interessi passivi pagati in un mutuo ipotecario stipulato per l’acquisto dell’abitazione principale (prima casa) sono detraibili dall’IRPEF, se sussistono determinate condizioni.

Quale tipo di mutuo e’ meglio? Tasso fisso o variabile?

Ecco vantaggi e svantaggi dei due tassi di interesse.

Tasso fisso
Vantaggi

  • Certezza. Sai esattamente quanto costa la rata del mutuo.
  • La rata del mutuo non aumentera’ anche se i tassi crescono.
  • Sapendo esattamente quanto ti costa il mutuo, puoi pianificare bene tutte le tue altre spese.

Svantaggi

  • I tassi fissi solitamente sono piu’ alti di tassi variabili.
  • Se i tassi diminuiscono, la tua rata del mutuo non diminuira’.
  • Se vuoi cambiare mutuo o banca, spesso devi pagare delle penali.

Tasso variabile
Vantaggi

  • I tassi variabili sono spesso piu’ economici dei tassi fissi, specialmente all’inizio.
  • Sei tassi diminuiscono, la tua rata mensile dimuira’.

Svantaggi

  • Se i tassi aumentano, la tua rata mensile aumentera’. Se si sceglie questo tipo di mutuo e’ bene calcolare quanto la rata aumentera’ per un aumento dell’1% o del 2% del tasso ed assicurarsi di essere in grado di potersi permettere tale aumento.
  • Incertezza. Non saprai con certezza quando la rata aumentera’, e di quanto, che puo’ complicare le proprie finanze.

Quale banca? Quale mutuo?

Ecco le risorse per trovare il mutuo piu’ adatto alle proprie esigenze – ed il piu’ economico! Non bisogna necesariamente rivolgersi alla banca presso cui si ha il conto principale.

Questi sono i siti che effettuano ricerche in base a determinati criteri. Conviene provarle tutti perche’ possono avere accesso a offerte diverse.

Questi siti invece offrono i risultati in tabelle, che puo’ essere molto utile per capire meglio come funziona il mercato dei mutui.

Non e’ facile comprare casa, ma puo’ essere davvero una bella soddisfazione!

come risparmiare sul mutuo

Share on Facebook3Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Email this to someone
Se ti e' piaciuta questa guida, visita la nostra pagina di Facebook, metti il mi piace e condividi con i tuoi amici!

.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *